Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => 1 [retina_logo] => [logo_width] => 420 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1470 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => contained-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-below-header [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #009800 [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #555555 [link_color_hover] => #000000 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Roboto [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 300 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 300 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Lato [font_heading_2] => Lato [font_heading_3] => Lato )

CBD e Giornata mondiale della salute mentale 2020

Uno su quattro di noi sperimenterà problemi di salute mentale a un certo punto della nostra vita.

Dall'ansia e depressione al disturbo bipolare e oltre, le condizioni di salute mentale sono ad ampio spettro.

Ora, le persone in tutto il mondo stanno raggiungendo il CBD per curare le loro condizioni di salute mentale.

Diamo uno sguardo alla scienza in vista della Giornata mondiale della salute mentale il 10 ottobre.

Ansia e sonno

Uno studio pubblicato nel 2019 ha esplorato il ruolo che il CBD potrebbe svolgere nel calmare la mente e aiutarci a dormire.

Il campione finale di partecipanti era costituito da 72 pazienti in una clinica psichiatrica che si erano presentati principalmente con ansia (47 pazienti) o sonno scarso (25 pazienti).

punteggi di ansia sono diminuiti entro il primo mese in 57 pazienti e sono rimasti ridotti per tutta la durata dello studio.

Nel frattempo, i punteggi del sonno sono migliorati entro il primo mese per 48 pazienti, sebbene siano diminuiti nel tempo.

Il CBD è stato ben tollerato in tutti i pazienti tranne tre.

I ricercatori hanno concluso:

“Il CBD sembra essere meglio tollerato dei normali farmaci psichiatrici.

"Inoltre, il CBD si mostra promettente come strumento per ridurre l'ansia nelle popolazioni cliniche, ma data la natura aperta e non randomizzata di questa ampia serie di casi, tutti i risultati devono essere interpretati con molta cautela".

Depressione

Il nostro ha recettori in tutto il corpo, compreso il cervello.

Questi recettori svolgono un ruolo nella regolazione del nostro umore e sono attivati dai cannabinoidi come il CBD.

Uno studio del 2018 ha esaminato se il CBD ha mostrato un effetto antidepressivo nei roditori .

I ricercatori hanno sottoposto i topi allevati a mostrare sintomi simili alla depressione a un test di nuoto forzato.

I topi a cui era stato somministrato CBD hanno mostrato una riduzione dell'immobilità, che è un modello per i sintomi della depressione.

Gli antidepressivi aumentano la durata del nuoto e riducono la durata dell'immobilità.

I ricercatori hanno detto :

"Abbiamo dimostrato che il CBD aumenta la resilienza degli animali nei modelli depressivi di stress, indicando così un effetto simile a un antidepressivo.

"Inoltre, questo effetto si è sviluppato rapidamente, entro un'ora, ed è rimasto per una settimana dopo una singola somministrazione, il che non è il caso degli antidepressivi convenzionali."

Disordine bipolare

Il disturbo bipolare è una condizione di salute mentale che colpisce circa 1,3 milioni di persone nel Regno Unito .

Coloro che convivono con il disturbo possono sperimentare stati emotivi estremi che possono interrompere la loro vita quotidiana.

La condizione è complessa, quindi spesso può essere diagnosticata erroneamente come depressione.

La ricerca dell'inizio di quest'anno ha esplorato se il CBD potesse influenzare il flusso sanguigno cerebrale nella regione ippocamosa del cervello.

È stato scoperto che una singola dose di cannabidiolo (CBD) aumenta il flusso sanguigno a questa importante area del cervello associata alla memoria e alle emozioni.

Il dottor Michael Bloomfield, autore principale e professore presso l'UCL Psychiatry, ha dichiarato:

A nostra conoscenza, questo è il primo studio a scoprire che il CBD aumenta il flusso sanguigno verso le regioni chiave coinvolte nell'elaborazione della memoria, in particolare l'ippocampo.

"Questo supporta l'idea che il CBD abbia effetti sul flusso sanguigno specifici della regione nel cervello umano, che è stata precedentemente contestata."

Non ci sono ancora risultati di studi diretti sui disturbi bipolari, ma c'è uno studio in corso in Brasile.

Immagine dell'intestazione di chezbeate da Pixabay

Lascia un commento