Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => 1 [retina_logo] => [logo_width] => 420 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1470 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => contained-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-below-header [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #009800 [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #555555 [link_color_hover] => #000000 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Roboto [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 300 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 300 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Lato [font_heading_2] => Lato [font_heading_3] => Lato )

Cannabis e genitorialità: basta dire sapere

I genitori di oggi sono spesso sopraffatti dal tentativo di destreggiarsi tra le richieste poste loro dal lavoro, dai figli e dalle famiglie. Non c’è da meravigliarsi che i genitori vorrebbero consumare qualcosa alla fine della giornata per alleviare lo stress e rilassarsi prima di andare a letto. Non è raro che un genitore si rilassi alla fine della giornata con un bicchiere di vino, una birra o una bevanda mista. Questa è stata la pratica standard per molti genitori e adulti, principalmente perché non erano disponibili altre opzioni.

Cannabis e genitorialità

Con la diffusione della legalizzazione della cannabis in tutto il paese, sempre più adulti usano la cannabis. Le barriere all’ingresso che hanno afflitto il nostro passato, come la criminalità, lo stigma sociale e l’accesso sicuro alla cannabis, vengono finalmente rimosse. Questo cambiamento lascia ai genitori una nuova opzione da esplorare quando provano a chiudere per la sera. Trattandosi di un fenomeno relativamente nuovo, rimangono molte domande senza risposta. È sicuro possedere cannabis con i bambini in casa? Dovresti essere aperto sul tuo uso di cannabis o nasconderlo? Come parli ai tuoi figli della cannabis?

Queste domande sono un territorio inesplorato con l’onere lasciato ai genitori di capire. Le risposte a queste domande sono fondamentali perché determineranno il modo in cui le generazioni future percepiscono la cannabis. Questo articolo esplorerà queste domande e mirerà a generare idee su cui i genitori possano lavorare quando cercano di capire come incorporare la cannabis nelle loro vite.

La sicurezza prima

Il problema più grande che deve essere affrontato quando i genitori stanno valutando se usare o meno la cannabis è la sicurezza. Come genitore, mantenere i tuoi figli al sicuro è fondamentale per il tuo ruolo di caregiver. Uno studio del 2016 che ha esaminato i tassi di bambini esposti alla cannabis in Colorado dopo la legalizzazione ha rilevato un aumento del 34% nella compostezza accidentale della cannabis rispetto all’aumento del 19% della nazione misurato attraverso i rapporti ai centri antiveleni regionali. I ricercatori hanno notato che la maggior parte di questi casi era dovuta a una supervisione inadeguata dei genitori o alla conservazione del prodotto.

L’esposizione alla cannabis nei bambini dovrebbe essere evitata a tutti i costi per due ragioni principali. In primo luogo, poiché i bambini sono molto più piccoli degli adulti, gli effetti negativi della cannabis possono essere molto più pronunciati . Gli effetti collaterali includono nausea, vomito e ansia intensi, che possono essere un’esperienza orribile per un bambino che non ha idea di cosa stia succedendo. In secondo luogo, questi incidenti si riflettono male sulla più ampia comunità della cannabis e forniscono agli oppositori argomenti contro la legalizzazione della cannabis.

Quando i genitori fanno il turno e iniziano a usare la cannabis, devono considerare come consumeranno e immagazzineranno la cannabis. In termini di conservazione, i genitori dovrebbero adottare ulteriori precauzioni per tenere i prodotti a base di cannabis lontani dai loro figli. La maggior parte dell’esposizione pediatrica alla cannabis si verifica quando i bambini scambiano gli edibili per biscotti, brownies o caramelle normali. Questi tipi di prodotti dovrebbero essere conservati dove i bambini non possono prenderli, idealmente con qualcosa che puoi bloccare. Per il consumo, i genitori dovrebbero considerare ciò che si adatta meglio al loro stile di vita e ciò che sarebbe più difficile da consumare per il loro bambino. Le cartucce di vaporizzazione e gli edibili saranno le più facili da consumare accidentalmente per un bambino. Trova ciò che funziona meglio per te e la tua famiglia. Ricordati di mantenere la sicurezza e l’accesso in primo piano nella tua mente.

Uscendo dall’armadio della cannabis

Dopo aver affrontato il modo in cui conserverai la tua cannabis in un luogo dove i tuoi figli non possono accedervi, è tempo di pensare a come parlare con loro della cannabis. Per anni i genitori consumatori di cannabis hanno dovuto nascondere il loro consumo ai propri figli. Se un bambino andasse a scuola e parlasse del consumo di cannabis dei suoi genitori, molto probabilmente si sarebbero trovati nei guai con la legge. Fortunatamente, gli atteggiamenti e le restrizioni legali nei confronti della cannabis sono cambiati, consentendo ai genitori di aprirsi finalmente ai propri figli.

Molti genitori oggi sono ancora indifferenti a parlare ai propri figli della cannabis, anche negli stati in cui è legale. Come dice un vecchio proverbio, “le vecchie abitudini sono dure a morire” e nascondere il proprio uso di cannabis non è diverso. Quando ci si trova di fronte a questo nuovo dilemma, può essere utile esaminare le ricerche condotte su argomenti tabù simili. Un’area tabù di cui i genitori hanno storicamente evitato di parlare con i loro figli è il sesso perché può essere scomodo affrontarlo. I genitori spesso temono di inserire inavvertitamente idee nella mente dei loro figli. Questo è simile alle preoccupazioni dei genitori quando valutano se aprire o meno la conversazione sulla cannabis.

In un articolo pubblicato nel 2017 su come i genitori dovrebbero parlare ai loro adolescenti del sesso, alcuni preziosi spunti possono essere portati via ai genitori che si chiedono come affrontare la conversazione sulla cannabis. Una cosa importante da notare qui è che parlare con i tuoi figli del sesso nel modo giusto può agire come un fattore protettivo contro la gravidanza adolescenziale e le malattie sessualmente trasmissibili. Tutto si riduce a ottenere informazioni accurate da una fonte attendibile piuttosto che dai loro coetanei o dai media, e lo stesso principio si applica alla cannabis.

Il primo passo prima ancora di aprire la porta a una conversazione sulla cannabis è educare te stesso. Ciò ti consentirà non solo di sentirti sicuro nella conversazione che stai per avere, ma ti aiuterà anche a fornire a tuo figlio le informazioni più accurate. Essere istruiti sull’argomento aiuterà anche quando tuo figlio ha domande che consolideranno il tuo posto come fonte informata sull’argomento. È importante ammettere quando non hai una risposta per una domanda invece di inventare qualcosa sul momento.

Una volta che sei istruito e ti senti pronto per iniziare ad aprirti sulla cannabis a tuo figlio, ci sono alcune cose da tenere a mente. Vuoi assicurarti che la conversazione sia adattata all’età del bambino. Man mano che i bambini crescono, possono gestire più informazioni che sono sempre più complicate. I bambini più piccoli potrebbero aver bisogno di sapere solo che la cannabis è una pianta che è per gli adulti e non è per loro, simile all’alcol o ai farmaci. Gli adolescenti possono richiedere un resoconto più dettagliato della pianta che includa la sua storia, gli usi comuni e gli effetti collaterali. Adolescenti e giovani adulti hanno bisogno di conversazioni su ciò che sentono e vedono attraverso i loro pari e i media. Questa fascia di età è quella in cui i giovani provano tipicamente la cannabis per la prima volta, quindi è essenziale essere aperti e onesti riguardo agli aspetti positivi e negativi associati al suo uso. Vuoi fornire ai tuoi figli uno spazio aperto, informativo e non giudicante per parlare di cannabis. Assicurati di controllare regolarmente, sfruttare i momenti di insegnamento e, soprattutto, ricorda che quello che fai è molto più potente di quello che dici.

Un percorso in avanti

Poiché il panorama intorno alla cannabis continua a cambiare, i genitori devono pensare a come affronteranno questo problema con i loro figli. I genitori che consumano cannabis non dovrebbero essere demonizzati come cattivi genitori, né i genitori stessi dovrebbero vergognarsi del loro uso di cannabis. La nostra società sta vivendo un enorme cambiamento culturale con l’accettazione della cannabis ei genitori giocheranno un ruolo significativo nel modo in cui le generazioni future rispondono a questo movimento. Con qualsiasi sostanza psicoattiva come l’alcol o la cannabis, ciò che è più importante è mantenere la sicurezza, avere conversazioni aperte e modellare un uso responsabile. La cannabis è un modo meraviglioso per concludere la giornata e connettersi con i propri cari intorno a te poiché porta la tua consapevolezza nel momento presente e allo stesso tempo ti permette di rilassarti. È giunto il momento che i genitori si sentano a proprio agio nel sostituire quel bicchiere di vino con uno spinello o un commestibile infuso di cannabis per aiutare a rilassarsi dopo una giornata lunga e stressante.

Lascia un commento