Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => 1 [retina_logo] => [logo_width] => 420 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1470 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => contained-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-below-header [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #009800 [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #555555 [link_color_hover] => #000000 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Roboto [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 300 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 300 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Lato [font_heading_2] => Lato [font_heading_3] => Lato )

Raddoppiato il fondo statale per la coltivazione e l’importazione di Cannabis terapeutica.

“È un piccolo grande passo aspettando una migliore e più adeguata regolamentazione del settore. Ci sono tantissimi malati cronici e in fase terminale che pur avendone diritto ancora non riescono a seguire una terapia stabile, soprattutto ora che la pandemia crea maggiori problemi”.

Queste le parole di Riccardo Magi con cui ha annunciato l’emendamento, che è stato accettato nella legge di bilancio e che include l’incremento dei fondi economici per la coltivazione di cannabis e per l’importazione dall’estero. Specialmente i fondi destinati a lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze raggiungeranno i 3,6 milioni di euro l’anno, mentre il fondo per l’importazione di cannabis terapeutica dall’estero a circa 700mila euro.

Ad oggi, la coltivazione di cannabis in Italia è sotto il monopolio di stato e lo stabilimento fiorentino, sotto il controllo dei ministeri della Salute e della Difesa è l’unico autorizzato nel nostro Paese. Il problema drammatico, mai risolto, è che a fronte di un altissimo fabbisogno per i pazienti italiani che ormai supera le 2 tonnellate e non accenna a fermarsi, la produzione a Firenze resta ben al di sotto dei 200 chilogrammi l’anno.

Quando Giulia Grillo era ministro della Salute, fece diversi tentativi affinché il ministero della Salute e l’Aifa, fornissero autorizzazioni anche ad altri enti, ma ad oggi, nulla di concreto è mai stato attuato. Siamo arrivati al punto in cui è diventato fondamentale che la coltivazione di cannabis venga aperta anche ad aziende private, o ad altre aziende pubbliche che possano lavorare per colmare questo vuoto.

“In Italia nonostante la Costituzione e la legge garantiscono il diritto alle cure, c’è un insormontabile problema di scarsa produzione che non soddisfa le esigenze e di altrettanta scarsa importazione che non sopperisce alle blanda produzione nazionale”, ha continuato a spiegare Magi sottolineando che: “Questo è un primo passo importante, gran parte del mondo sta già avanti per quanto riguarda la legalizzazione della cannabis e forse anche per l’Italia è arrivato il momento di iniziare una nuova era. Ringrazio i colleghi deputati che hanno votato il mio emendamento, la libertà di potersi curare non può avere colore politico, è una questione di rispetto e civiltà“.
E noi non potremmo essere più d’accordo.

Lascia un commento